PARROCCHIA DI CASORATE PRIMO

La Prima Messa

marzo 14th, 2013  |  Published in VATICANO

VATICANO | 14 marzo 2013 | LA PRIMA MESSA

LA PRIMA MESSA DEL PAPA

Nella Cappella Sistina, presieduta dal nuovo Pontefice e concelebrata dai 114 cardinali che l’hanno eletto nel Conclave. In italiano l’omelia del Santo Padre, articolata attorno a tre concetti: «Camminare, edificare, confessare»

«Camminare, edificare, confessare»: attorno a questi tre verbi si è articolata la prima omelia di Papa Francesco, nella Cappella Sistina, davanti ai 114 cardinali che lo hanno eletto. La messa è iniziata alle 17 in punto. Papa Francesco ha guidato, con la ferula, la processione di ingresso dei cardinali, che con i loro paramenti bianchi e oro hanno sfilato a due a due verso l’altare posto ai piedi del Giudizio Universale di Michelangelo per baciarlo. Poi il Santo Padre, dopo aver a sua volta baciato l’altare con lo sguardo rivolto al Crocifisso ligneo, ha dato inizio, in latino, alla celebrazione.

Tra i cardinali clima di grande preghiera e concentrazione. Pacata, a tratti commossa, la voce del Papa nella lettura della colletta che ha preceduto le letture: la prima tratta da Isaia, il Salmo 97 cantato, la seconda ricavata dalla prima lettera di Pietro. Entrambe le letture sono state lette in italiano, mentre il brano del Vangelo con il dialogo tra Gesù e Pietro (Matteo 1, 13-19) è stato cantato in latino. Anche l’omelia è stata pronunciata in italiano e con toni molto spontanei da parte del Santo Padre. È durata circa sette minuti in tutto, un condensato spirituale che ha preso spunto dalle letture.

«In queste letture – ha esordito il Papa, che ha parlato interamente a braccio – c’è qualcosa di comune: è il movimento, è il cammino, il movimento nella confessione». Poi ha declinato il significato dei tre verbi: camminare, edificare, confessare.

«Camminare alla luce del Signore», ha spiegato, è la prima cosa che Dio ha detto ad Abramo: «Cammina nella mia presenza, e sii irreprensibile». «Camminare», ha ripetuto il Papa: «La nostra vita è un cammino, e se ci fermiamo qualcosa non va». «Camminare sempre, in presenza del Signore, alla luce del Signore», l’esortazione del Santo Padre: «Cerchiamo di vivere con quella irreprensibilità che Dio chiedeva ad Abramo nella sua promessa».

«Edificare la Chiesa», il secondo impegno mutuato dal Papa dalle letture della messa, nelle quali «si parla di pietre, ma pietre vive, pietre pronte per lo Spirito Santo». Di qui l’invito a «edificare la Chiesa, la sposa di Cristo, su quella pietra angolare che è lo stesso Signore».

Terzo verbo, infine, «confessare». «Noi possiamo camminare come vogliamo, edificare tante cose, ma se non confessiamo Gesù Cristo qualcosa non va, diventiamo una Ong pietosa, non la Chiesa sposa di Cristo», il forte ammonimento del Papa. «Quando non si cammina, ci si ferma», ha proseguito: «Quando non si edifica sulle pietre, succede come ai bambini in spiaggia, che fanno dei palazzi sulla sabbia, senza consistenza».

Poi il Papa ha citato Leon Bloy, per affermare che «quando non si confessa Gesù Cristo, avviene che chi non prega il Signore prega il diavolo. Quando non si confessa Gesù Cristo, si confessa la mondanità e il diavolo». «Camminare, edificare, costruire, confessare», la progressione dei verbi usata dal Papa. «Non è così facile – ha ammesso – perché per camminare, per costruire, per confessare, alle volte ci sono scosse, ci sono movimenti che non sono proprio movimenti del cammino, sono movimenti che ci tirano indietro».

Il Vangelo di Matteo, ha fatto notare il Papa, prosegue «con una situazione speciale», perché «lo stesso Pietro, che ha confessato Gesù Cristo» – «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente» – sembra dirgli «io ti seguo, ma non oggi, con altre possibilità, senza la Croce». «Quando camminiamo senza la Croce, quando edifichiamo senza la Croce, e quando confessiamo con Cristo senza la Croce – l’ammonimento centrale della prima omelia di papa Francesco – non siamo discepoli del Signore, siamo mondani. Siamo vescovi, siamo preti, siamo cardinali, ma non siamo discepoli di Cristo». Vorrei che tutti noi, dopo questi giorni e queste grazie – l’auspicio del nuovo Papa nella sua omelia tenuta interamente a braccio – abbiamo il coraggio di camminare in presenza del Signore, con la Croce del Signore, di edificare la Chiesa con il sangue del Signore versato sulla Croce, e di confessare l’unica gloria: Cristo Crocifisso». «E così la Chiesa va avanti», ha concluso il Papa, invocando l’intercessione di Maria, «nostra madre», affinché «ci conceda di camminare, edificare, confessare Gesù Cristo Crocifisso».

Comments are closed.


in-primo-piano

EVENTI CINEMA TEATRO

DIRETTA DUOMO

Meteo a Casorate Primo


21.8°C
Sereno

Oggi:
22°C / 8°C
 
MarMerGioVensabDom
21°20°22°21°19°18°
10°11°

Archivio